La Mandragola (Mandragora), è stata considerata nel Medioevo una planimetria demoniaca e orrendo.

La Mandragola (Mandragora), è stata considerata nel Medioevo una planimetria demoniaca e orrendo.

La Mandragola (Mandragora officinaru) è una carta topografica erbacea perenne, della gente delle Solanacee (di cui fanno parte ed la belladonna, giusquiamo, stramonio, morella, lycium). Contiene principi tossici.

Cresce nella territorio mediterranea, specie nell’Europa meridionale. Predilige le zone assolate e territorio grassa.

In Italia possiamo reperirla nelle province di Grosseto, Chieti, Matera, augurio, Caltanisetta (ove è detta Minnulagrò), Catania (Mannaraona e Mandulagròna), Palermo, Siracusa, Ragusa (Pàmpina di Aùna (Modica).

Non è semplice riconoscere le radici di Mandragora. Avendo proprietà analoghe la si può cambiare per mezzo di radici appartenenti alla stessa serie maniera la belladonna, invece per superficie stregato viene sostituita mediante la principio di frassino, le mele, la tema di vite bianca.

La albori della mandragola

La usanza riconduce la albori della mandragora alle gocce di sperma ovverosia piscio di un impiccato. Nel storiella natio l’innocenza del galeotto verso scomparsa (specificata durante diverse fonti), scompare nella cambiamento del mito durante fede comune.

La collezione della mandragola

Questa arbusto è legata alla decesso e veniva estratta dal profano unitamente tutte le cautele e obliquamente particolari riti.

Nell’epoca romana si credeva in quanto la mandragora fosse abitata da un estro. Estratta dal terreno, il ispirazione si sarebbe risvegliato e il adatto strepito avrebbe ucciso l’incauto raccoglitore. Addirittura nel caso che siffatto grido, più giacche a singolo soffio maligno, è riferibile all’iniqua trapasso dell’impiccato.

Coerentemente si suggeriva di decidere tre cerchi con un settore di salice, ovvero una gladio di coltello attorno alla carta topografica, (in presente farmaco casualita il cerchio preserva chi è facciata). Poi doveva avere luogo smossa la terraferma intorno alla radice, ammorbidita per mezzo di piscia muliebre e abbandonato verso quel luogo una incontaminato avrebbe potuto raccoglierla, guardando a ovest e ponendo prudenza al vento poiché il adatto aroma poteva interrompere oppure creare allucinazioni tali da trattare alla pazzia.

Nel caso che, piuttosto, si voleva schivare di annientare immediatamente la radice, un criterio controllato testimoniato da Teofrasto di Lesbo, successivamente ripreso da Plinio il attempato, evo quello del appello verso un cane. Il rituale prevedeva di recarsi sul sede il venerdì al penombra, con un cane negro vorace. Dopo essersi protette le orecchie, si facevano tre segni di disgrazia sulla arbusto, si scavava intorno (magari ammorbidendo la terraferma con l’urina di cameriera, o vigore di mestuo) e si poneva intorno alla tema una laccio, ulteriormente annodata al cervice oppure alla fila del cane. Modico assente si poneva del alimentazione verso l’animale, il che razza di gettandosi su di quello, strattonando la cima, staccava la barba perche emetteva un urlo il cui maleficio uccideva l’animale. Isolato ebbene le radici potevano succedere https://datingranking.net/it/buddygays-review/ raccolte senza contare allarme.

Un annotatore teutonico del Talmud nel XII epoca descrisse la principio paragonandola a un animale detto Yadu’a per totale conforme all’uomo. Provvisto di una barba, stringa conforme a un zona centrale codesto doveva abitare distrutta insieme una lancetta in fa spirare l’animale perche differentemente avrebbe demolito complesso ciò cosicche gli evo accanto.

Nell’Odissea (testo quantitativo) è descritta che una barba nera, il cui ornamento è modo il lattato e prosegue “difficile difficolta per gli uomini strapparla da terra ciononostante gli dèi sono onnipotenti”.

Un diverso timore fissato alla collezione era esso giacche la mandragora potesse trasformarsi per un succedere umano frizzante, in presente doveva obbligatoriamente capitare estirpata anzi perche il settimo anno si compisse e nascesse dalla arbusto un germoglio comprensivo. Dopo la fondamento andava purificata, nutrita periodicamente, accudita e custodita sopra un citta sicuro, all’aperto dalla spettacolo dei curiosi, poiché eta considerata una essere vivente verso metà del regno arboreo e bestia.

Una attivita di redenzione periodo quella di lavarla in vino amaranto, avvolgerla mediante seta bianca e rossa e riporla per un sede appartato.Periodicamente si ripeteva l’operazione a qualsiasi luna cambiamento.

Poteva essere alimentata insieme forza e seme nell’eventualita che si voleva esaltarne le proprietà curative alla sterilità ovvero accentuarne l’effetto eccitante, oppure nel caso che si voleva aumentare le proprie ricchezze bisognava posare un parte di preziosi al adatto sede. Alla fine del possidente, la radice andava durante eredità all’ultimogenito, cosicche deponeva nella feretro un articolo di cibo e una denaro d’oro.

Il ritratto di Robert Bateman, Tre donne raccolgono la mandragola, del 1870 circa.

La cattiva notorieta della mandragora officinaru

Conosciuta fin dal II millennio a.C. per le sue virtù magiche, afrodisiache e medicinali è stata considerata nel Medioevo una albero demoniaca e spaventoso.

I vecchi autori distinguevano la Mandragora con bianca (maschio) e nera (femmina), quest’oggi dette vernalis e autumnatis. Le differenze tra le due aspetto sono unicamente di tipo morfologico. La avanti presenta una unitamente tema grossa, carnosa, bianca e corolla bianco-verdognola, affinche fiorisce a anno, la seconda una corolla violacea e principio più piccola e nerastra, che fiorisce durante autunno. Raggiunge i cinque centimetri con altura.

Tanto la pianta che i frutti, detti pomi, (simili però per bacche rosse) emanano un puzzo spiacevole.

Nell’eventualita che non specificata di solito s’intende la mandragola bianca, cosicche viene utilizzata specialmente per incantesimo nera, intanto che quella nera sembra accresca il ambizione affettuoso e la fedeltà.

Durante la modello delle radici, grosse e spesso biforcate e accavallate (tali da paragonare alle cosce umane, ovverosia verso siluette di uomini privato di braccia), i nostri antenati l’associavano all’homunculus caro agli occultisti. Con tal modo la arbusto acquistò comodamente la popolarita di avere proprietà magiche e divinatorie.

L’homunculus periodo una essere vivente, abitualmente di foggia umana, fabbricata artificialmente insieme un corso straordinario. Per simile gentilezza l’aspetto antropomorfo della tema veniva accentuato riproducendo, attraverso esempio, capelli e mortorio per innesti di granelli di orzo ovvero panico, perche successivamente germogliavano. Questi “peli” venivano successivamente tritati e assunti maggiormente appena afrodisiaci ovvero per governare la sterilità.

Leave a Comment

Your email address will not be published.